Cooperativa agricola Dignano

Poljoprivredna zadruga Vodnjan - Cooperativa agricola Dignano

(denominazione completa: Poljoprivredna zadruga Vodnjan, za poljoprivredu, trgovinu i usluge – Cooperativa agricola Dignano per l'agricoltura, il commercio e servizi)


Indirizzo: Piazza della Libertà 2/II, 52215 Vodnjan - Dignano

Telefono: +385 (0)52 512-266; +385 (0)99 597-1723

Fax: +385 (0)52 512-266

E-mail: poljoprivredna.zadruga.vodnjan@pu.t-com.hr 

Direttore: dott. Viljem Vodnik

 


La Cooperativa agricola “Dignano” è stata fondata il 25 settembre 2008 su iniziativa della Città di Dignano e dell'Associazione "Agroturist", con l'obiettivo principale di promuovere lo sviluppo agricolo nel Dignanese, con un occhio di riguardo all'olivicoltura, e di presentarsi uniti sul mercato per un migliore piazzamento dei prodotti, in modo tale da concretizzare utili personali e comuni a tutti i soci.

Altri obiettivi: fornitura ai soci di prodotti e materiale a prezzi concorrenziali, piazzamento comune di prodotti sul mercato (mediante la creazione di un marchio – brand unico per l'olio extra vergine di oliva), partecipazione a fiere e rassegne, produzione di varietà di olivo nostrane per le esigenze dei soci e di acquirenti esterni. 

La Cooperativa ha 64 soci, prevalentemente aziende agricole familiari che si occupano di olivicoltura.
È membro della Cooperativa pure la Città di Dignano.
Progetto „Vin de Rosa“,
Avendo come scopo la salvaguardia dei prodotti della tradizione locale, che vanta pure il vino da dessert dignanese „Vin de Rosa“, prodotto con l'uva passa, quattro anni fa è stato avviato il progetto di rivitalizzazione e standardizzazione della produzione e di tutela di questo vino tipico.
„Vin de Rosa“ fa parte del patrimonio locale dignanese e nel passato non c'era festa importante nella vita delle famiglie del luogo, che non venisse celebrata con un bicchiere di questo vino particolarissimo. Il titolare del progetto è la Città di Dignano, che lo attua appoggiandosi all'Associazione „Agroturist“.

Nel passato, visti gli scarsi effetti economici e i rischi di produzione, il prodotto fu quasi dimenticato. È questo il motivo che ci ha spinto a dargli nuova vita, fissando direttrici ben precise e a stimolare i produttori locali a riavviare la produzione con più sistematicità. Il vino viene prodotto con uva malvasia, pur esistendo la tendenza a farlo pure con altre varietà, soprattutto di moscato. Dopo la vendemmia l’uva (un tempo) veniva fatta essiccare per alcuni mesi in ambienti ben areati e freschi (metodo tradizionale), mentre oggi l’essicazione avviene in appositi impianti che permettono di tedi gnere sotto controllo tutte fasi.  L’identità visiva di questo vino dev’essere contraddistinta da un colore spiccatamente ambrato; il sapore e il profumo devono essere equilibrati per offrire sentori di prugne e fichi secchi, miele o uva passa. La percentuale minima di alcool deve essere del 15%. Per affiancare alcuni membri che producono questo tipico vino da dessert, anche la Cooperativa ha aderito al progetto „Vin de Rosa“ e con la vendemmia del 2010 ha prodotto circa 200 litri dell’apprezzato vino. 

Già con i primi lotti prodotti, di circa 200-300 litri all’anno, il Vin de Rosa della CA Dignano ha vinto l’oro alla XIX e alla XXI Rassegna del vino di Dignano e l’argento alla XX, stesso premio che si è guadagnato alla XX Vinistra.

Con la vendemmia 2013 sono in fase di produzione circa 1.000 litri di „Vin de Rosa“, pronti per l’imbottigliamento verso la fine del 2014.