Contatti

Centralino: +385 (0)52 511 522
Fax: +385 (0)52 511 326
E-mail: info(at)vodnjan.hr

Ufficio protocollo:

Assessorato all'amministrazione generale, all'economia, ai progetti UE e agli appalti pubblici

Settore per gli affari generali, le attività sociali, l'autogoverno locale e territoriale

Settore per il bilancio e le finanze

Settore per gli affari legali

Settore per l'economia, i progetti UE e gli appalti pubblici

Assessorato all'assetto territoriale, all'attività comunale, all'edilizia e alla tutela ambientale

Settore per l'assetto territoriale e l'edilizia

Settore per l'attività comunale e la tutela ambientale

Vigili comunali

ISTRIANO - di Dignano: L’Ecomuseo che valorizza la tradizione locali

 

Un gruppo di dignanesi entusiasti, che desidera valorizzare i potenziali non sfruttati della Città, ha fondato di recente l'associazione senza fini di lucro denominata  «ISTARSKO -Ekomuzej iz Vodnjana / ISTRIANO – Ecomuseo di Dignano».

É un dato di fatto che l'Ecomuseo vede quale suo obiettivo fondamentale, il risveglio della consapevolezza del valore dell'identità della comunità locale, raggiungibile tramite l'educazione, la conservazione e l'interpretazione delle peculiarità locali, naturali e culturali. Lo stesso ecomuseo diventa un'arma particolare della nuova museologia che pone al centro di tutte le sue attività l'uomo e le sue necessità.

Valorizzando i prodotti del lavoro umano, la ricerca, la cura, la conservazione e la divulgazione del patrimonio storico, rurale e culturale, in particolare quello agricolo, nonchè grazie ad una ricca offerta di prodotti naturali autoctoni l'Associazione,favorirà la creazione di un'identità culturale e turistica di Dignano riconoscibile a livello globale.

Un obiettivo è altresì la tutela e la rivitalizzazione del patrimonio rurale materiale ed immateriale compresi gli attrezzi, i mestieri, le abilità nonchè il tradizionale carro e gli animali domestici. Altri fini dell'associazione sono la manutenzione e la lavorazione della terra, la riqualificazione di edifici dismessi e di aree agricole incolte, nonchè la conservazione delle specie autoctone e delle biodiversità.